Slow cooking

La cucina lenta è stata per me una riscoperta. Mi ricordo da bambino che nelle case dei miei nonni c’era sempre una pentola con qualcosa dentro che sobbolliva sulla stufa. Una cottura lunga, leggera, delicata. Una cottura di carne o di verdure che prendevano nel tempo tutti i migliori sapori.
Ho riscoperto la cottura lenta grazie ad una pentola americana nata negli anni ’50. La Crock-pot, una pentola in coccio, riscaldata da una resistenza elettrica, che riproduce, con un bassissimo consumo di energia, la cottura delle cucine a legna dei nostri nonni.
Una cucina non facile, per la quale non esistono praticamente ricette della tradizione italiana. La pentola è con il coperchio a tenuta, e cuoce ad una temperatura vicina ai 60° C. Quindi i liquidi degli ingredienti rimangono all’interno e i liquidi aggiunti vanno calcolati molto bene se non vogliamo ritrovarci un brodo anziché un brasato o uno stracotto.
Le ricette che propongo e che integrerò mano a mano, derivano da una sperimentazione diretta.